GREEN CROSS ITALIA
LA NEWSLETTER da Green Cross Italia
CARTA DELLA TERRA
EDUCAZIONE
ACQUA
ENERGIE
GUERRE
La Convenzione sostenuta dal prossimo Governo

A Citta' del Messico si e' appena concluso il 4 Forum Mondiale sull'Acqua, senza alcun impegno significativo. Pero' se portiamo il nostro sguardo ad otto anni addietro, al primo forum di Marrakech nel marzo del 1997, registriamo che la centralita' del tema nelle agende politiche, nell'attenzione dei media e nella sensibilità dei cittadini e' cresciuta in modo notevole.

Quantita', qualita', protezione, conservazione, gestione integrata, recupero, pubblico e/o privato, interventi internazionali sono tutte parole, insieme con altre, che confermano della nostra condizione di privilegiati: continuiamo ad avere ancora spazio e tempo per agire, per gestire e prevenire i problemi.
Per noi il fattore tempo è una variabile possibile da governare. Cosi' non e' per circa 2 miliardi e 600 milioni di persone, tra queste ogni giorno 3.900 bambini di meno di cinque anni muoiono per cause legate all'assenza e/o alla cattiva qualità dell'acqua.
Dobbiamo riaffermare che l'Acqua e' un diritto, non e' un privilegio.
L'Osservazione generale n 15 sul diritto all'acqua delle Nazioni Unite adottata nel 2002, ha contribuito a chiarificare il significato del diritto all'acqua e ha generato azioni significative da parte della societa' civile, come il riconoscimento del diritto all'acqua nella legislazione di alcuni paesi.
Il Diritto all'Acqua è riconosciuto esplicitamente come Diritto dell'Uomo in due convenzioni internazionali, la Convenzione per l'eliminazione di tutte le forme di discriminazione verso la donna (1980), la Convenzione per i Diritti del fanciullo (1989). Cosi' come nel trattato regionale La Carta africana dei diritti e del benessere del fanciullo (1990). Le Convenzioni di Ginevra del 1949 e del 1977, garantiscono la protezione di questo diritto in tempo di guerra.
In più il diritto all'acqua è chiaramente implicito nel diritto ad un livello di vita sufficiente e nel diritto di tutte le persone di godere del miglior stato di salute fisica e mentale possibile, dichiarazioni affermate dal Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali (1966).
E' il tempo di passare ad una Convenzione internazionale specifica per il Diritto all'Acqua continua all'interno >>

di Elio Pacilio
Vicepresidente esecutivo Green Cross Italia



I NUMERI DELL'ACQUA



FIRMA LA PETIZIONE
L'acqua è
un diritto di tutti.

Firma la Petizione per
la Convenzione Globale sull'acqua

Links utili
WWD
ONU
UNESCO
EU
Le novità che trovate sul sito sono:

ARMI CHIMICHE: IN RUSSIA IMPORTANTE PASSO AVANTI PER LA DISTRUZIONE DEGLI ARSENALI
Green Cross da il benvenuto all'apertura ufficiale del secondo principale impianto di distruzione di armi chimiche

22 MARZO GIORNATA PER IL DIRITTO ALL'ACQUA
La nostra Organizzazione chiede che i governi inizino il processo di consultazione per una Convenzione Internazionale sull'Acqua che tra l'altro, definendo uno specifico contesto legale, affermi definitivamente il diritto all’acqua per la vita per ogni cittadino del mondo
4° FORUM MONDIALE SULL'ACQUA
Città del Messico, è riunito il Forum Mondiale dell'Acqua
Tutti i resoconti dal Forum


AIUTACI: FAI FIRMARE LA PETIZIONE AI TUOI AMICI
Invitiamo la gente a firmare e a diffondere il messaggio nella propria comunita' sia casa, ufficio, centro, parroccchia, scuola, ecc.
  La Newsletter
Leggi tutte le edizioni precedenti
Segnala la newsletter ad un'amico
Invia un commento
La prossima edizione della newsletter verrà spedita tra due settimane.
Saluti da tutto lo staff di Green Cross Italia
 
Per non ricevere più la nostra Newsletter è sufficiente replicare a questa mail inserendo nell'oggetto "Cancellare".

Cordiali amici, ci sono pervenute alcune richieste di cancellazione da indirizzi che non sono presenti nelle nostre liste. Probabilmete si tratta di utentii che vengono raggiunti dalla nostra newsletter attraverso degli indirizzi di redirect. Preghiamo gli utenti che utilizzano un sistema di questo tipo e vogliono essere cancellati dalle liste di indicarci l'indirizzo dal quale viene effettuta la redirect e non quello finale. Grazie per la pazienza e la collaborazione.